X


Chiesa di Santa Sofia

All’Arco del Meloncello

Via Saragozza n. 237 – 40125 Bologna

La Chiesa di Santa Sofia, inizialmente un'oratorio, fu voluto dalla Confraternita detta "dei Domenichini " persone di fede e buona volontà che nasce nell'anno 1742. Il loro peregrinare, pieno di traversie, dispiaceri e sacrifici, ma sempre coraggiosi e pronti alle sfide, aiutandosi fra di loro e dal popolo dei devoti che li seguiva, ogni volta riuscivano a superare gli ostacoli impossibili. Ogni domenica si recavano al Colle della Guardia per assistere alla Santa Messa e alle funzioni religiose, presso il Santuario della Beata Vergine di San Luca.

Sistemazioni di emergenza per i loro primi incontri, piccoli oratori o cappelle e poi con la crescita dei devoti si misero alla ricerca di una Chiesa che sistemarono e come sempre dedicandola a Santa Sofia, martire cristiana assieme a tre figlie: Fede, Speranza e Carità. Il riferimento a Teocle non è casuale, il pellegrino greco, che trovò l'icona della B.V. di San Luca, nella Basilica di Istambul portandola a Bologna. Da qui nasce la storia intrinseca fra la Confraternita dei "Domenichini ", e la devozione alla Beata Vergine di San Luca, dedicandole una serie di riti e onoranze che da sempre caratterizzano la loro dedizione e fedeltà.

Dopo anni di abbandono e degrado strutturale, la Confraternita, in accordo con la Fabbriceria di San Luca e la Curia metropolitana, hanno siglato un concordo per il restauro, sia della Chiesa di Santa Sofia che dei locali attigui, creando un luogo di aggregazione culturale per le diverse realtà  religiose e civili ed è sede delle Confraternite per le onoranze alla B. V. di San Luca.

Per informazioni rivolgersi al n.telef.+39 051555165 – e-mail. segr.comportsluca@gmail.com

Contattaci

Ti risponderemo al più presto

  Autorizzo al trattamento dei dati personali ai sensi e per gli effetti del D.Lgs. 196/03. Leggi informativa completa