X

Chiesa di Santa Sofia all'Arco del Meloncello - Via Saragozza n. 237 - 40125 - Bologna

Le cronache  dei  tempi  raccontano . .

 

Santa Sofia, martire romana vissuta nel secondo sec. (d.c.) è venerata come Santa, sia dalla Chiesa 

Cattolica che dalla Chiesa Ortodossa.

Secondo la Passio, il manoscritto più antico al mondo, scritto in Syriaco nel V sec.(d.c.) si trova in 

Inghilterra.  Descrive Sofia, nobildonna di origine italica sposata con un senatore lombardo di nome Filandro; aveva tre figlie i cui nomi erano, Pistis, Elpis e Agape.

Questi nomi di origine greca tradotti in italiano significano: Fede, Speranza e Carità : le tre Virtù Teologali . Logico pensare che il nome della madre fosse, Sapienza -Saggezza.

Alla morte del marito Filandro, che Sofia convertì al cristianesimo, ricevette in eredità un’ingente patrimonio che impiegò dedicandosi all’assistenza e alla cura dei bisognosi facendo opere di carità e predicando la vita cristiana assieme alle figlie.

Questa iniziativa però non piacque né al Prefetto  di Roma Antioco, né all’imperatore Adriano che, prese le tre ragazze e iniziò a infastidirle, molestarle  con rappresaglie, frustate e torture,  portandole alla decapitazione sotto gli  occhi della madre, alla quale fu impresso sulla fronte il marchio  infame .

Consegnarono i corpi martoriati delle figlie a Sofia che lei seppellì  sulla Via Aurelia  in prossimità del XVIII miglio. Dopo tre giorni, Sofia fu sorpresa a pregare sulla  loro tomba e  stessa sorte toccò pure a Lei  e fu sepolta nella stessa tomba assieme alle figlie. ( anno 122 d.c.)

I loro corpi, sepolti lungo la Via Aurelia, durante il pontificato di  Papa Sisto 1, furono trasferiti  in un cubicolo  della catacomba di San Pancrazio, dove sono tuttora visibili  i resti.

La prima menzione del culto per Santa Sofia e delle figlie, Fede, Speranza e Carità, risale al VI sec.

d.c. e sono contenute “nell’Index oleorum” di Giovanni” (590-604)

 

Le relique di Santa Sofia furono traslate da Roma a Brescia, nel Monastero di Santa Giulia, dove 

rimasero fino al XVIII secolo. Successivamente  dopo la soppressione del Monastero  vennero concesse, dove sono tuttora custodite e venerate alla  Parrocchia di Virle Treponti  - Rezzato – Bs.(1799) 

La storica processione in onore di Santa Sofia e della Beata Vergine del Rosario si svolge ogni  cinque anni la prima domenica di ottobre. La prossima è nel 2023.

 

La Chiesa di  Santa Sofia all’Arco del Meloncello, che si vede oggi,, fu consacrata e inaugurata da

S.E. Card. G.B. Nasalli  Rocca il 30 aprile 1927.

Nell’anno 1742 la Confraternita detta dei Domenichini, per onorare la B.V. di San Luca, dedicarono

il loro oratorio, alla Sacra immagine di Santa Sofia.

 

SS/ 11-2020

Contattaci

Ti risponderemo al più presto

  Autorizzo al trattamento dei dati personali ai sensi e per gli effetti del D.Lgs. 196/03. Leggi informativa completa

Contattaci

Ti risponderemo al più presto

  Autorizzo al trattamento dei dati personali ai sensi e per gli effetti del D.Lgs. 196/03. Leggi informativa completa